Caratteristiche

Tipologia

60% Corvina , 30% Rondinella , 10% Molinara

Rosso delicato nel bicchiere, offre un bouquet intenso di frutti, in particolare ciliegia e marasca. All’assaggio evolve in note speziate intense di pepe dalla eccezionale persistenza

Regione

Veneto

Abbinamenti

Baccalà , Carni bianche , Primi piatti

BARDOLINO CAVALCHINA DOC

 8,60

Esaurito

0 Persone che guardano questo prodotto ora !

Esaurito

Metodi di Pagamento:

Vite

Paese

Italia

Denominazione

DOC

Allergeni

Solfiti

Produttore

Cavalchina

Grado Alcolico %

12 , 5

Bottiglia

Formato

0.75 l

Tempo Servizio

16°-18°

Riconoscimenti

AIS

3/4 Tralci 2020

Bibenda

3/4 Grappoli 2019

Luca Maroni

90/100 2018

James Suckling

90/100 2016

Descrizione

Descrizione

ABBINAMENTI: si sposa con primi piatti e carni bianche e alcuni pesci, in particolare il baccalà

DESCRIZIONE ORGANOLETTICA: Rosso delicato nel bicchiere, offre un bouquet intenso di frutti, in particolare ciliegia e marasca. All’assaggio evolve in note speziate intense di pepe dalla eccezionale persistenza

AFFINAMENTO: Viene poi conservato in acciaio a contatto coi propri lieviti, regolarmente riportati in sospensione, fino al mese di marzo quando viene imbottigliato

DESCRIZIONE VITIGNO: I vigneti sono collocati tra i 100 e i 120 metri sul livello del mare con esposizione a sud. Allevamento Guyot. Terreno morenico calcareo, argilloso con presenza di ghiaia

VINIFICAZIONE: L’uva raccolta viene immediatamente diraspata e pigiata. Il profilo delle temperature di fermentazione prevede un picco a 25/28°C per poi diminuire a 18/20°C. La macerazione viene prolungata quanto possibile. Nel corso della fermentazione alcolica ha luogo anche la fermentazione malolattica

Informazioni sul marchio
Collocata all'estremo Sud-Est dell'anfiteatro morenico del Garda fu da sempre di chiara vocazione viticola, infatti il catasto asburgico nel 1848 riporta già l'esistenza di un numero consistente di vigneti con classificazione di I e II categoria. Probabilmente tale classificazione non era su basi solamente qualitative, ma teneva conto anche della costante produttiva del vigneto, cioè della sua resistenza alla siccità, nota dominante dei terreni morenici del Garda. La Cavalchina fu teatro di battaglie nel corso della I e II guerra di indipendenza; a testimonianza della battaglia del 1866 rimane un obelisco di ardesia marrone che ricorda il ferimento del principe Amedeo di Savoia.