Caratteristiche

Tipologia

77% Chardonnay , 22% Pinot Nero , 1% Pinot Bianco

Punteggio Sommelier

94

Il colore è brillante, un giallo paglierino con riflessi verdognoli. Il perlage è fine, persistente ed elegante. Al naso si viene colpiti da un profumo ampio e complesso, con note di frutta esotica, con leggeri accenni vegetali, di vaniglia e di frutta secca. . In bocca è sapido e completo, fresco e vibrante, decisamente coerente sul piano aromatico. Finale lungo e armonico, che dona freschezza inebriante.

Regione

Lombardia

Abbinamenti

Antipasti di pesce , Aperitivo , Tartare di pesce

BELLAVISTA ALMA BRUT FRANCIACORTA DOCG

 30,30

Disponibile

0 Persone che guardano questo prodotto ora !

Disponibile

Metodi di Pagamento:

Vite

Paese

Italia

Denominazione

DOCG

Allergeni

Solfiti

Produttore

Bellavista 

Grado Alcolico %

12 , 5

Punteggio Sommelier

94

Bottiglia

Formato

0.75 l

Tempo Servizio

8°-10°

Riconoscimenti

James Suckling

92/100

Gambero Rosso

3/3 Bicchieri

Vini di Veronelli

88/100

Bibenda

5/5 Grappoli

Descrizione

Descrizione

ABBINAMENTI: Da servire in flute alla temperatura di 6-8°C. Eccellente come aperitivo, accompagna egregiamente stuzzichini, antipasti di pesce, tartare di pesce, ottimo con rostini a base di salmone affumicato o pasta al sugo di astice

DESCRIZIONE ORGANOLETTICA: Il colore è brillante, un giallo paglierino con riflessi verdognoli. Il perlage è fine, persistente ed elegante. Al naso si viene colpiti da un profumo ampio e complesso, con note di frutta esotica, con leggeri accenni vegetali, di vaniglia e di frutta secca. . In bocca è sapido e completo, fresco e vibrante, decisamente coerente sul piano aromatico. Finale lungo e armonico, che dona freschezza inebriante.

AFFINAMENTO: Affina per 36 mesi sui lieviti

VINIFICAZIONE: La prima fermentazione è in acciaio, con sosta in botti di rovere bianco per il 35%, selezione di almeno 75 vini di riserva e rifermentazione in bottiglia secondo il Metodo Classico

Informazioni sul marchio
La storia della famiglia Moretti si intreccia a quella di Erbusco e della Franciacorta, tanto che antichi carteggi testimoniano la presenza in zona nel 1400. Nel 1977 Vittorio Moretti decide di dedicarsi al mondo del vino. Avvia l’azienda e costruisce la casa in cui vivere in località Bellavista. Un luogo bellissimo, come si intuisce dal nome, che si dimostra anche vocato alla viticoltura. Il primo anno vengono prodotti solo vini fermi, il secondo poche bottiglie di Metodo Classico, da bere con gli amici, il terzo l’ingranaggio può dirsi avviato. La stella Bellavista comincia a brillare. Arriva la definizione di un proprio gusto e l’organizzazione di una cantina che di lì a poco fa scuola, diventando una delle realtà più importanti della spumantistica italiana e internazionale. Oggi il marchio Bellavista è sinonimo di eleganza e finezza. Ogni bottiglia racconta la storia della cantina, il territorio che l’accoglie e lo stile che la distingue