Caratteristiche

Tipologia

Cabernet Franc , Cabernet Sauvignon

Punteggio Sommelier

88

Alla vista si presenta di colore rosso rubino carico con riflessi violacei evidenti. profumi intensi, freschi, dolci e fruttati con leggero vegetale. Elegante la nota floreale con sentori di viola. Al palato risulta morbido e leggero con un’acidità equilibrata e buona sapidità, il finale è asciutto e persistente

Regione

Veneto

Abbinamenti

Bolliti , Piatti robusti , Secondi di carni leggere

BEPIN DE ETO CABERNET IGT COLLI TREVIGIANI

 11,80

Esaurito

0 Persone che guardano questo prodotto ora !

Esaurito

Metodi di Pagamento:

Vite

Paese

Italia

Denominazione

IGT

Allergeni

Solfiti

Produttore

Bepin De Eto

Grado Alcolico %

13

Punteggio Sommelier

88

Bottiglia

Formato

0.75 l

Tempo Servizio

16°-18°

Descrizione

Descrizione

ABBINAMENTI: Ideale con primi piatti robusti e secondi piatti di carni leggere anche con bolliti

DESCRIZIONE ORGANOLETTICA: Alla vista si presenta di colore rosso rubino carico con riflessi violacei evidenti. profumi intensi, freschi, dolci e fruttati con leggero vegetale. Elegante la nota floreale con sentori di viola. Al palato risulta morbido e leggero con un’acidità equilibrata e buona sapidità, il finale è asciutto e persistente

AFFINAMENTO: Affina in serbatoi d’acciaio per il 90%, in botti per il 10%

DESCRIZIONE VITIGNO: Nella zona collinare di Conegliano alle pendici dei primi contrafforti dolomitici nella parte nord della provincia di Treviso. Altimetria 270 m s.l.m. Esposizione Nord – Sud Tipologia suolo Argilloso di medio impasto

VINIFICAZIONE: Le uve, pigiate e diraspate, vengono poste nelle vasche di macerazione per un periodo compreso tra 8 e 10 giorni durante i quali vengono alternate pratiche di rimontaggio, follature e délestage. Fermentazione Alla svinatura il vino viene fermentato a temperatura controllata

Informazioni sul marchio
Nicoletto intraprese la costruzione di quella passione edificata sulle solide fondamenta dell’amore per la propria terra e costruita, anno dopo anno, con i mattoni dell’entusiasmo. Un’opera in divenire che passò al figlio Mosè e a sua volta a suo figlio Giuseppe. In lui, l’anima popolare più schietta della gente del luogo identificò una tale somiglianza con il nonno Nicoletto, da attribuirgli il soprannome di Bepin de Eto, Giuseppe del Nicoletto. Dal 1965, dopo aver appreso i segreti del mestiere ed aver conquistato la fiducia della sua terra, Ettore, figlio di Giuseppe, conduce con determinazione, aiutato oggi dalle sue tre figlie, l’azienda di famiglia. Ad essa ha voluto dare quel soprannome, Bepin de Eto, per ricordare suo padre, la sua famiglia, la sua storia.Tra le colline di Conegliano e Valdobbiadene si celano centri storici e borghi di alto valore culturale che si concedono allo sguardo evocando l’antica storia vinicola che parla di queste terre. Una storia che risale a oltre 2000 anni fa quando i romani, su premesse etrusche, introdussero in quest’area la coltivazione della vite.