Caratteristiche

Tipologia

85% Chardonnay , 15% Pinot Nero

Punteggio Sommelier

92

Si presenta nel calice di un colore giallo paglierino chiaro con riflessi verdognoli, spuma cremosa e perlage fine e persistente. Al naso delicato e piacevole con note di crosta di pane, pesca bianca, mela e agrumi. Al palato l’assaggio si rivela teso, sapido e voluminoso, con lunga e rinfrescante chiusura agrumata

Regione

Lombardia

Abbinamenti

Aperitivo , Carni bianche , Finger food , Pesce di lago , Piatti vegetariani , Pollame

BERLUCCHI BRUT ’61 FRANCIACORTA DOCG

 18,90

Disponibile

0 Persone che guardano questo prodotto ora !

Disponibile

Metodi di Pagamento:

Vite

Paese

Italia

Denominazione

DOCG

Allergeni

Solfiti

Produttore

Berlucchi

Grado Alcolico %

12 , 5

Punteggio Sommelier

92

Bottiglia

Formato

0.75 l

Tempo Servizio

8°-10°

Riconoscimenti

James Suckling

92/100

Wine Spectator

92/100

Wine Enthusiast

92/100

Descrizione

Descrizione

ABBINAMENTI: Si abbina in modo ottimo con l’aperitivo, con finger food e piccoli stuzzichini, ma anche con piatti vegetariani, pollame e carni bianche preparate in modo semplice. Perfetto l’abbinamento con il pesce di lago

DESCRIZIONE ORGANOLETTICA: Si presenta nel calice di un colore giallo paglierino chiaro con riflessi verdognoli, spuma cremosa e perlage fine e persistente. Al naso delicato e piacevole con note di crosta di pane, pesca bianca, mela e agrumi. Al palato l’assaggio si rivela teso, sapido e voluminoso, con lunga e rinfrescante chiusura agrumata

DESCRIZIONE VITIGNO: proveniente dai più vocati vigneti dei 19 comuni della Franciacorta

Informazioni sul marchio
In un bicchiere di Berlucchi c’è la Franciacorta, una terra generosa. C’è la storia di un palazzo del Cinquecento. : e se facessimo anche uno spumante alla maniera dei francesi?”. Questa fu la frase lanciata dal giovane enologo Franco Zilliani a Guido Berlucchi, in quell’incontro per migliorare il suo vino bianco poco stabile. Berlucchi accettò questa proposta di Franco Ziliani, e ai due pionieri si unì l’amico Giorgio Lanciani. La sfida ebbe inizio e, dopo alcune annate meno fortunate, nel 1961 furono sigillate tremila bottiglie di Pinot di Franciacorta. Stappate l’anno dopo, si rivelano ottime. Operosi attorno a un’idea di qualità eccellente. Il pioniere Franco Ziliani e la sua famiglia, insieme ai vignaioli della Franciacorta, hanno cambiato la storia di questo territorio. Certificati biologici dal 2016, i vigneti Berlucchi rappresentano lo stato dell’arte della viticoltura in Franciacorta. Con il progetto Mille1Vigna i vigneti sono stati analizzati e classificati per associare il carattere di ogni vino al diverso tipo di terreno. Oppure grazie alla mappatura aerea a infrarossi sono riusciti a valutare la fertilità delle diverse aree della vigna, scaglionando la vendemmia e fertilizzando solo se necessario.