Caratteristiche

Tipologia

10% Cabernet Sauvignon , 10% Canaiolo Nero , 80% Sangiovese

Punteggio Sommelier

91

Vino equilibrato ed elegante Al naso risulta complesso e caratterizzato da note varietali di confettura di prugne e more, accompagnate da sentori terziari di liquirizia, vaniglia e cuoio. Ottima struttura; finale lungo e persistente

Regione

Toscana

Abbinamenti

Peposo , Piatti della cucina toscana

CHIANTI CLASSICO RISERVA BANFI DOCG

Annata

2019

 17,40

Disponibile

0 Persone che guardano questo prodotto ora !

Disponibile

Metodi di Pagamento:

Vite

Paese

Italia

Denominazione

DOCG

Allergeni

Solfiti

Produttore

Banfi

Grado Alcolico %

13 , 5

Punteggio Sommelier

91

Annata

2019

Bottiglia

Formato

0.75 l

Tempo Servizio

16°-18°

Riconoscimenti

James Suckling

91/100 2017 , 92/100 2018

Wine Spectator

88/100 2009 , 89/100 2010 , 89/100 2016 , 90/100 2015

Descrizione

Descrizione

ABBINAMENTI: Si sposa alla perfezione con piatti della cucina toscana, come tortelli al ragù o peposo

DESCRIZIONE ORGANOLETTICA: Vino equilibrato ed elegante Al naso risulta complesso e caratterizzato da note varietali di confettura di prugne e more, accompagnate da sentori terziari di liquirizia, vaniglia e cuoio. Ottima struttura; finale lungo e persistente

AFFINAMENTO: affina in barrique per 2 anni e per ulteriori 6 mesi in bottiglia

VINIFICAZIONE: Fermentazione: a temperatura controllata (25-30°) in tini in acciaio

Informazioni sul marchio
Banfi nasce nel 1978 grazie alla volontà dei fratelli italoamericani John e Harry Mariani. Sin dall'inizio i due fratelli prevedono un progetto su larga scala, integrando una produzione viticola di qualità con una cantina moderna con l'obiettivo di mantenere sempre alto il livello qualitativo dei vini prodotti. A fianco della famiglia Mariani, Ezio Rivella, uno dei più grandi enologi italiani, il quale ritiene subito che per la ricchezza della natura del suolo e la privilegiata posizione microclimatica, i territori acquisiti avrebbero avuto grosse potenzialità di sviluppo. In quegli anni, i fratelli John e Harry rilevano inoltre la storica casa vinicola piemontese Bruzzone, attiva fin dal 1860 e specializzata nella produzione di spumanti, per farne il marchio piemontese del gruppo, oggi Banfi Piemonte. La tenuta Banfi si estende a sud di Montalcino, al confine con la Val d’Orcia. I 2830 ettari di proprietà sono coltivati per circa un terzo a vigneto, e il resto è occupato da oliveti, frutteti (in prevalenza susini), bosco e terreni incolti. Progetto volto alla valorizzazione delle più pregiate denominazioni del basso Piemonte, Banfi Piemonte rappresenta la perfetta unione tra secolare tradizione spumantistica e l’esperienza enologica maturata dall’azienda. La proprietà si estende tra i comuni di Novi Ligure e di Acqui Terme, su una superficie di 50 ettari, di cui 46 a vigneto. L’amore per la Toscana ha recentemente avvicinato Banfi a territori nuovi, tra i più vocati della regione: Bolgheri, dove la piccola tenuta fonde la leggendaria storia degli Etruschi alla produzione del Bolgheri DOC, la Maremma, territorio dedicato alla produzione del  Vermentino, e il Chianti, in uno dei territori privilegiato per la nascita del Chianti Classico.