Caratteristiche

Tipologia

100% Aglianico

Punteggio Sommelier

91

Rosso rubino intenso e limpido. Al naso richiama la frutta nera selvatica, la liquirizia ed il sottobosco. In bocca è equilibrato con un finale che ricorda la frutta fresca e termina con una delicata nota balsamica

Regione

Campania

Abbinamenti

Carni bianche , Primi di terra , Ricette tipiche campane , Secondi di carni rosse

FEUDI SAN GREGORIO AGLIANICO DOC RUBRATO

Tag:

 10,40

Disponibile

0 Persone che guardano questo prodotto ora !

Disponibile

Metodi di Pagamento:

Vite

Paese

Italia

Denominazione

DOC

Allergeni

Solfiti

Produttore

Feudi di San Gregorio

Grado Alcolico %

13 , 5

Punteggio Sommelier

91

Bottiglia

Formato

0.75 l

Tempo Servizio

16°-18°

Riconoscimenti

Luca Maroni

91/100 2019

James Suckling

93/100 2019

Wine Enthusiast

91/100 2017

Descrizione

Descrizione

ABBINAMENTI: Vino particolarmente versatile. Si abbina perfettamente a primi di terra, secondi di carni rosse e bianche e alle ricette tipiche della tradizione campana, come la parmigiana di melanzane ed il sartù di riso

DESCRIZIONE ORGANOLETTICA: Rosso rubino intenso e limpido. Al naso richiama la frutta nera selvatica, la liquirizia ed il sottobosco. In bocca è equilibrato con un finale che ricorda la frutta fresca e termina con una delicata nota balsamica

AFFINAMENTO: Minimo 6 mesi in bottiglia.

DESCRIZIONE VITIGNO: L’Irpinia Aglianico Rubrato di Feudi di San Gregorio nasce in vigneti situati nel cuore dell’incantevole paesaggio irpino

VINIFICAZIONE: Fermentazione alcolica e macerazione in serbatoi di acciaio per circa 2-3 settimane. Maturazione Circa 10 mesi in serbatoi di acciaio

Informazioni sul marchio
Una delle più importanti visioni di Feudi di San Gregorio è credere che la nascita di un vino abbia lo stesso processo creativo di un’opera d’arte. L’amore e la passione nella cura delle piante, l’impegno nella raccolta dell’uva e la pazienza nell’attesa che il vino sia maturo, fanno sì che ogni bottiglia esprima la sua personalità e diventi un’opera d’arte. È con questo approccio che nascono le collaborazioni con grandi maestri e giovani di talento, volte a continuare e far crescere la volontà di uno scambio continuo di conoscenza e creatività fra il vino e l’arte. Gli stessi sentimenti ed emozioni conducono il percorso creativo di un artista, che lo porta a realizzare una scultura, uno scatto fotografico, un quadro, un’installazione. L'Irpinia, regione storica dell'Appennino campano è un territorio vitivinicolo unico, in cui i vigneti coesistono da sempre con alberi da frutta, boschi, ulivi, erbe aromatiche. Territorio aspro e dolce insieme, dalle connotazioni forti e sensazioni intense. Un entroterra antico le cui vigne trovano testimonianza già nei testi di Plinio, Columella e Strabone. La giacitura dei suoli del territorio irpino è molto varia: un continuo succedersi di montagne, colline, pianure, intervallate da corsi d'acqua.La configurazione orografica determina un regime dei venti che regala alla regione una buona piovosità e crea un microclima che la differenzia nel contesto campano: la vegetazione è varia e densa; gli inverni, pur brevi, sono rigidi e nevosi e le estati miti e prolungate.Non parliamo di Campania, parliamo di Irpinia