Caratteristiche

Tipologia

100% Negroamaro

Punteggio Sommelier

92

Si presenta di un colore rosso intenso con riflessi granati e grande intensità glicerica. Al naso è Fruttato con sentori tipici della macchia mediterranea e sentori terziari dovuti all’affinamento. Al palato sii avvertono note di vaniglia e chiodi di garofano, ii corpo è robusto con finale morbido e persistente

Regione

Puglia

Abbinamenti

Carni rosse di manzo , Formaggi stagionati , Selvaggina , Stufati

MOTTURA ROSONE NEGROAMARO DEL SALENTO IGT

Bottiglia:

 12,90

Disponibile

0 Persone che guardano questo prodotto ora !

Disponibile

Metodi di Pagamento:

Vite

Paese

Italia

Denominazione

IGT

Allergeni

Solfiti

Produttore

Mottura

Grado Alcolico %

14 , 5

Punteggio Sommelier

92

Bottiglia

Formato

0.75 l

Tempo Servizio

14°-16°

Riconoscimenti

Bibenda

4/5 Grappoli 2019

AIS

3/4 Tralci 2019

Luca Maroni

98/100 2023

Mundus Vini

Argento 2023

Berliner Wein Trophy

Medaglia d'Oro

Descrizione

Descrizione

ABBINAMENTI: Si consiglia di abbinarlo con carni rosse di manzo o selvaggina alla brace, stufati e formaggi stagionati

DESCRIZIONE ORGANOLETTICA: Si presenta di un colore rosso intenso con riflessi granati e grande intensità glicerica. Al naso è Fruttato con sentori tipici della macchia mediterranea e sentori terziari dovuti all’affinamento. Al palato sii avvertono note di vaniglia e chiodi di garofano, ii corpo è robusto con finale morbido e persistente

AFFINAMENTO: Riposa in bottiglia per altri 2 o 3 mesi

DESCRIZIONE VITIGNO: Le uve Negroamaro provengono dal nord della provincia di Lecce, nel cuore del Salento.Il terrorio è costituito da argilla calcarea

VINIFICAZIONE: Dopo la vendemmia, avviene la tradizionale macerazione da 10 a 12 giorni e fermentazione a temperatura controllata, seguita dalla fermentazione malolattica.Una parte del vino viene poi affinata per 8-10 mesi in botti di rovere francese

Informazioni sul marchio
Era il 1927 quando Pasquale Mottura guardando l’estesa piantagione di vigneti, che si era guadagnato, ettaro dopo ettaro, con sacrificio e dedizione, decise di dare nuova linfa al frutto del suo lavoro, fondando quella che sarebbe diventata una delle cantine più importanti del Salento. Dopo quasi 100 anni di storia, in cui l’amore per la terra e la cura per le vigne sono stati tramandati come un’eredità preziosa di padre in figlio, attraversando quattro generazioni, Mottura è oggi un’azienda leader nel Salento, un’eccellenza italiana nel mondo per la produzione di vini di qualità.L’azienda Mottura si trova a Tuglie, una piccola località del Sud Salento. La sede è ancora quella originaria, una bellissima tenuta di fine Ottocento di respiro barocco. È qui che avviene il lento maturare dei vini, in barriques e tonneaux di rovere, fino al comporsi degli aromi, dei colori e delle atmosfere della sua terra. Il successo arrivò presto: già negli anni ’40 i vini Mottura partivano da Tuglie, dentro grandi botti ferrate, a bordo dei treni diretti al Centro-nord, per raggiungere i tre stabilimenti di Napoli, Roma e Milano, dove il vino del Salento era molto apprezzato. L’azienda, però, voleva andare oltre: negli anni Sessanta è tra le prime a imbottigliare i prodotti. Sin da subito, dunque, l’obiettivo è quello che caratterizzerà sempre il marchio Mottura: rendere possibile il matrimonio tra grandi numeri e qualità apprezzabile e onesta. Ma quando si produce vino da quattro generazioni, con impegno quotidiano, si è sempre pronti a nuove sfide, per offrire prodotti sempre più innovativi e qualitativamente competitivi, mantenendo il rispetto per la tradizione che è anche rivitalizzata.L’azienda Mottura vuole offrire ai suoi consumatori un vino che sia anche l’emozione di una storia che continua, una tradizione che non si interrompe e che coniuga la modernità con le proprie radici. I vigneti dell’azienda Mottura sono per lo più impiantati ad alberello e spalliera: i primi con un’età media di 60 anni per pianta e i secondi di 10-15 anni. Gli impianti ad alberello vengono coltivati su “terre bianche” dove c’è maggior presenza di materiale tufaceo che favorisce la produzione di vini corposi, concentrati e molto profumati.La media produttiva per ettaro è di 80/100 quintali per i vigneti a spalliera e di 30/40 quintali per ettaro per i vigneti ad alberello. Per la conduzione dei vigneti ci si affida ad un disciplinare tecnico di produzione i cui obiettivi sono quelli di garantire una conduzione integrata, standard qualitativi di eccellenza e la rintracciabilità su tutta la filiera