Caratteristiche

Tipologia

50% Garganega , 30% Trebbiano di Soave , 20% Chardonnay

Punteggio Sommelier

88

Si presenta di un colore giallo paglierino con riflessi verdi. Al naso spigiona un profumo di note di fiori bianchi, gelsomino, agrumi e accenni di frutta tropicale. Al gusto è fresco, fragrante, invitante, gradevolmente morbido e dal finale sapido

Regione

Veneto

Abbinamenti

Aperitivi , Insalate di pasta , Insalate di riso , Piatti di pesce , Risotti , Verdure

SCAIA BIANCO SANT’ANTONIO IGT

 9,80

Esaurito

0 Persone che guardano questo prodotto ora !

Esaurito

Metodi di Pagamento:

Vite

Paese

Italia

Denominazione

IGT

Allergeni

Solfiti

Produttore

Tenuta Sant’Antonio

Grado Alcolico %

12 , 5

Punteggio Sommelier

88

Bottiglia

Formato

0.75 l

Tempo Servizio

10°-12°

Riconoscimenti

Robert Parker

87/100 2013

Descrizione

Descrizione

ABBINAMENTI: Perfetto per accompagnare aperitivi ed insalate di pasta e riso, è ideale in abbinamento a piatti a base di pesce, verdura e risotti

DESCRIZIONE ORGANOLETTICA: Si presenta di un colore giallo paglierino con riflessi verdi. Al naso spigiona un profumo di note di fiori bianchi, gelsomino, agrumi e accenni di frutta tropicale. Al gusto è fresco, fragrante, invitante, gradevolmente morbido e dal finale sapido

AFFINAMENTO: Affina in acciaio

DESCRIZIONE VITIGNO: Uve sono coltivate nei vigneti aziendali situati a Colognola ai Colli, Illasi e Mezzane in provincia di Verona

VINIFICAZIONE: Dopo la raccolta manuale gli acini macerano a freddo per un’ora, con pressatura soffice a freddo ad una temperatura di 8-9 C°. Segue fermentazione a 13-14 C° senza malolattica e con il processo di batonnage per una volta a settimana sino al momento dell’imbottigliamento

Informazioni sul marchio
Passione, entusiasmo, capacità imprenditoriale ed esperienza. Quattro qualità per quattro fratelli: Armando, Tiziano, Massimo e Paolo Castagnedi. Una passione che nasce nelle vigne paterne, quando ancora bambini, lavoravano e vivevano nella campagna di San Zeno di Colognola ai Colli, zona della Valpolicella allargata che produce i più famosi vini scaligeri, dall’Amarone, al Valpolicella, al Soave. Le uve di papà Antonio, a quei tempi, erano destinate alla Cantina Sociale di Colognola ai Colli, struttura fondata dallo stesso Castagnedi. Armando, Tiziano, Massimo e Paolo, attuali proprietari dell’azienda Tenuta Sant’Antonio, si dedicano con vivo entusiamo alla vita contadina, lavorando ‘sul campo’ con sacrificio e amore. Uniti fin da allora, imparano presto a vivere sulla propria pelle tutte le fasi e i ruoli dell’impresa paterna.L’avvedutezza imprenditoriale li porta ben presto ad intraprendere una nuova strada alternativa che col tempo si verifica utile per ampliare le basi di un’azienda che attualmente vanta importanti riconoscimenti nazionali e internazionali